Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

CASO DI DENGUE, PROSEGUONO I TRATTAMENTI DEL COMUNE

CASO DI DENGUE, PROSEGUONO I TRATTAMENTI DEL COMUNE
CASO DI DENGUE, PROSEGUONO I TRATTAMENTI DEL COMUNE
CASO CONFERMATO DI DENGUE, PROSEGUONO I TRATTAMENTI DEL COMUNE VENERDI 27 SETTEMBRE 2019

Il Comune di Mirandola avvisa che, a fini di profilassi preventiva, proseguiranno i trattamenti contro le larve e gli esemplari adulti di Zanzara Tigre nella giornata di venerdì 27 settembre. Il caso di Dengue è stato confermato dalle analisi di laboratorio e i trattamenti proseguiranno sia negli spazi pubblici che in quelli privati.

Il provvedimento rientra nel Piano per la lotta alla Zanzara Tigre e per la prevenzione della Dengue ed è scattato a seguito di una segnalazione dell'Azienda Usl di Modena del 25 settembre 2019 con la quale si informa che si è riscontrato nel territorio comunale di Mirandola un caso sospetto di febbre da Arbovirus (Dengue), successivamente confermato nella serata di giovedì 26 settembre.
La malattia virale viene trasmessa all'uomo dalle punture di zanzara del genere Aedes albopictus (Zanzara Tigre).

L'area interessata è compresa tra via Coppi (civici dal 1 al 32), via Gobetti (civici dal 7 al 25), via Cappi (tutta la via), via Serracchioli (civici dal 3 al 32), via Amendola (civici dal 8 al 17), via Gramsci (civici dal 24 al 75), via Caboto (civici dal 1 al 6), via Marco Polo (civici dal 1 al 6), via Colombo (civici dal 1 al 8), via Lino Smerieri (civici 1, 3, 4 e 8 - Palazzina CUP e Pronto Soccorso dell'Ospedale), via Posta (civici 1, 2, 4, 6, 8, 10, 12, 14, più i civici 3 e 5 - Area cortiliva dell'Ospedale) e via Fogazzaro (civici 3, 5, 6, 7 - parcheggio Ospedale e giardini Casa Protetta - Borgotondo).
Si indica inoltre, tra le misure di precauzione, la chiusura delle finestre e la sospensione del funzionamento degli impianti di ricambio dell'aria durante le ore notturne in cui si svolgono i trattamenti. Vanno, inoltre, tenuti al chiuso gli animali domestici e devono essere protetti con teli di plastica i loro ricoveri all'aperto e le suppellettili, come ciotole e abbeveratoi. Anche la frutta e la verdura degli orti deve essere protetta in modo ermetico. Per consumare frutta e verdura irrorate con insetticidi sarà necessario aspettare 15 giorni, dovranno essere lavate abbondantemente e la frutta dovrà essere sbucciata. Mobili e giochi per bambini rimasti all'esterno ed esposti al trattamento dovranno essere puliti utilizzando guanti lavabili o a perdere. In caso di contatto accidentale con il prodotto insetticida, lavare abbondantemente la parte del corpo interessata con acqua e sapone.

Si ricorda ai cittadini l'importanza della prevenzione personale con alcuni consigli utili: utilizzare zanzariere per proteggere ambienti domestici e velette per proteggere passeggini e carrozzine; vestirsi con maglie e camicie a maniche lunghe, pantaloni lunghi e colori chiari e indossare calzini e scarpe chiuse; non utilizzare profumi, creme e detergenti profumati, che sono attrattivi per le zanzare soprattutto durante il giorno; utilizzare repellenti cutanei che vanno applicati sulle parti scoperte del corpo, rispettando dosi, modalità ed istruzioni d'uso riportate sull'etichetta del prodotto.