Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

EMERGENZA CORONAVIRUS SOSPESA LA PESCA SPORTIVA

EMERGENZA CORONAVIRUS SOSPESA LA PESCA SPORTIVA
EMERGENZA CORONAVIRUS SOSPESA LA PESCA SPORTIVA
La decisione arriva dalla Regione e riguarda anche il territorio comunale, in quanto tale pratica non rientra tra quelle consentite dal DPCM del 22 marzo 2020.

Il Decreto del 14 marzo scorso del Presidente della Regione Emilia-Romagna (n. 41/2020) ha chiarito inequivocabilmente che “gli spostamenti a piedi sono consentiti esclusivamente per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche (lavoro, ragioni di salute o altre necessità come gli acquisti di generi alimentari)” e certamente non rientra tra queste la pratica della pesca sportiva.


Si informano pertanto tutti gli interessati che, per effetto indiretto di altre norme giuridiche, la stagione piscatoria 2020, anche sul territorio comunale è da ritenersi sospesa fino al cessare delle restrizioni alla mobilità individuale imposte sia dal citato Decreto che dai diversi provvedimenti Governativi emanati a livello nazionale in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, ossia fino al 3 aprile, salve ulteriori proroghe delle misure limitative adottate dal Governo nazionale o dal Presidente della Regione.


Le limitazioni riguardano esclusivamente i pescatori sportivi e ricreativi mentre le attività produttive legate alla pesca professionale e all’allevamento di pesci (acquacoltura e itticoltura) rientrano tra le attività non sospese dal recente DPCM del 22/3/2020 e quindi possono continuare a svolgersi nel rispetto delle prescrizioni contenute in quest’ultimo provvedimento.


Tale implicito divieto di pesca espone gli eventuali trasgressori a pesanti sanzioni amministrative e all’applicazione delle sanzioni penali previste per l'inosservanza delle disposizioni emanate per il contrasto del coronavirus. Ciò in quanto l'esercizio della pesca sportiva non rientra certamente le necessità che possano spingere il cittadino a spostarsi sul territorio.