Salta al contenuto

Accolti in Comune i discendenti dei coniugi mirandolesi Silvio Borghi e Lidia Caleffi insigniti dell’onorificenza di Giusti fra le Nazioni

Data:

30-04-2022

MIRANDOLA, ACCOLTI IN COMUNE I DISCENDENTI DEI CONIUGI MIRANDOLESI SILVIO BORGHI E LIDIA CALEFFI INSIGNITI DELL’ONORIFICENZA DI GIUSTI FRA LE NAZIONI

C’è stato il ringraziamento, ma prima ancora la commozione di ritornare in quei luoghi in cui i genitori hanno vissuto e si sono resi protagonisti di una vicenda destinata a lasciare il segno a Mirandola e ad essere di esempio per l’altruismo e la benevolenza nei confronti del prossimo. Loro sono Elsa Borghi ed Umberto Broggi, rispettivamente figlia e genero di Lidia Caleffi e Silvio Borghi, i coniugi di Mortizzuolo che durante la Seconda guerra mondiale non esitarono a mettere a repentaglio la loro vita per salvare un gruppo di ebrei. Un atto di generosità, per il quale lo Stato di Israele ha voluto riconoscere entrambi i coniugi tra i Giusti fra le Nazioni: la più alta onorificenza alla memoria di coloro che nei drammatici anni della Seconda guerra mondiale si rifiutarono di rimanere indifferenti di fronte alla terribile tragedia abbattutasi sul popolo ebraico e che agirono per difendere la dignità umana.

Ad accoglierli a nome dell'Amministrazione Comunale di Mirandola, il Presidente del Consiglio comunale, Selena De Biaggi, il Consigliere comunale oltre che Onorevole della Repubblica, Guglielmo Golinelli ed il Comandante della Polizia Locale Gianni Doni. Ad Elsa Borghi ed Umberto Broggi è stata espressa sincera gratitudine per l’importante riconoscimento ottenuto a seguito di quanto fatto dai genitori di Elsa: patrimonio da conservare e tramandare alle nuove generazioni, a testimonianza che la generosità umana non ha confini, pregiudizi e distinzioni.

Residenti a Mortizzuolo, nel Comune di Mirandola, i coniugi si adoperarono per assicurare la vita delle famiglie Talvi ed Almoslino dapprima fornendo loro generi alimentari, successivamente offrendo un nascondiglio sicuro a Raffaele e Leone Talvi, ed infine, conducendo le famiglie Talvi e Almoslino al confine con la Svizzera, dove le famiglie trovarono salvezza. A rievocare i fatti storici, sono stati Shmuel e Dvora, figli dei salvati Menachem Almoslino e Alice Talvi, Vinka Talvi, vedova del salvato Raffaele Talvi oltre ad Elza Borghi ed Umberto Broggi, in occasione della alla cerimonia per la consegna dell’alta onorificenza, svoltasi in Comune a Varese nei giorni scorsi a cui ha partecipato per il Comune di Mirandola l’Assessore Antonella Canossa.

Allegati

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30-08-2022 14:08

Questa pagina ti è stata utile?