Salta al contenuto

Consulta per l’economia: costruttivo confronto fra associazioni e Amministrazione

Data:

19-10-2022

L’Amministrazione Comunale di Mirandola rende noto il positivo esito della Consulta Economica, riunitasi presso la Sala Consiliare di Via Giolitti in data Martedì 17 Ottobre. Un appuntamento, storicamente organizzato con cadenza annuale, ma assente da due anni a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia. Una riunione espositiva che ha visto partecipare CNA, Coldiretti Modena, CGIL, CISL Emilia Centrale, Lapam, Confederazione Italiana Agricoltori, Confcommercio e Confindustria Emilia Centro, che ha formalizzato la nomina del nuovo Presidente della Consulta Natascia Pellacani. La mattinata di lavori si è rivelata un’occasione preziosa di confronto e condivisione, che ha permesso di fare il punto sullo stato di salute del tessuto economico mirandolese, attraverso un confronto sui temi più attuali: dal “caro bollette”, alla necessità di reperire personale specializzato sino all’obiettivo comune di ridurre il più possibile il dato inerente alla disoccupazione sul territorio.

Gli Assessori Fabrizio Gandolfi e Roberto Lodi, in rappresentanza di tutta l’Amministrazione, hanno illustrato le varie iniziative messe in campo negli ultimi anni e i progetti programmati per il prossimo futuro, realizzati con l’intento di confermarsi al fianco di tutto il tessuto economico, con particolare attenzione rivolta alle piccole imprese locali ed ai professionisti, in un momento di prolungata incertezza. Particolarmente apprezzato, e sottolineato dalle delegazioni presenti, il contributo a fondo perduto destinato al sostegno delle realtà maggiormente colpite dai risvolti della pandemia, aventi pagato dazio con un calo del fatturato. Sono state ben 160 le domande evase per un contributo complessivo di oltre 370 mila euro, erogato direttamente alle aziende richiedenti. Un impegno importante particolarmente apprezzato e sottolineato da tutte le delegazioni presenti, per l’attenzione e la sensibilità dimostrata dall’Amministrazione a sostegno economia del territorio.

Questo incontro conferma la piena sinergia fra Amministrazione ed Associazioni di categoria al fine di tutelare il lavoro e il tessuto economico locale. Siamo impegnati –prosegue l'Assessore Fabrizio Gandolfi – in prima linea nello studio e realizzazione di un ulteriore programma di iniziative che possano fungere da volano per l’economia locale. Nonostante l’incertezza globale, che inevitabilmente ha toccato anche le nostre realtà, restiamo attenti alle esigenze dei nostri imprenditori, commercianti e professionisti”.

In conclusione dei lavori, l’Assessore Lodi, ha reso note le ulteriori manovre legate all’abbattimento delle imposte: è confermato, nello specifico, il blocco dell’aumento delle imposte comunali compreso l’Addizionale Comunale Irpef, dell’azzeramento del canone per l’occupazione di suolo pubblico e del calmieramento della tariffa rifiuti (TARI), con la conferma delle riduzioni varate in sostegno delle famiglie e delle Imprese maggiormente colpite dalla crisi pandemica. Manovre, tutte complementari ed omogenee fra loro, che certificano con i fatti la direzione scelta e un costante pensiero rivolto a tutela dell’economia del territorio, con l’implicito intento di stimolare un nuovo impulso occupazionale.

Pagare tutti per pagare meno. Abbiamo scelto, convintamente – chiosa l'Assessore Roberto Lodi – di favorire la cosiddetta “compliance”. Si tratta di favorire l’adempimento, spontaneo delle imposte, evitando spese ed oneri imposti per legge. L’impulso al commercio rimane una delle priorità di questa “governance”: ne sono la riprova l’azzeramento del canone di occupazione di suolo pubblico e la conferma delle riduzioni sulla Tari. Imposta sui rifiuti che sarà calmierata anche per le famiglie più in sofferenza ed estesa, con una modifica dell’ultimo minuto, anche per quelle più numerose. Il Comune di Mirandola si conferma virtuoso per attenzione e sensibilità verso il suo tessuto produttivo e, più in generale, nei confronti della comunità. Vorrei ricordare come, fra le misure introdotte al fine di avvicinarsi alle esigenze del cittadino, vi sia “Lo Sportello del Contribuente”. Un ufficio aperto 24 ore su 24 – conclude Lodi – grazie al quale sarà possibile ottenere tutte le informazioni tributarie, organizzate con criterio cronologico e suddiviso per aree tematiche”.

Allegati

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

19-10-2022 16:10

Questa pagina ti è stata utile?