Riprende la distribuzione di buoni spesa di solidarietà famigliare. L’Assessore Canossa: “Allargati i criteri di assegnazione”

Data:

12-05-2021

MIRANDOLA: RIPRENDE LA DISTRIBUZIONE DI BUONI SPESA DI SOLIDARIETÀ FAMIGLIARE. L’ASSESSORE CANOSSA: “ALLARGATI I CRITERI DI ASSEGNAZIONE”

Il Comune di Mirandola ha avviato una ulteriore e nuova fase di distribuzione dei buoni spesa. La decisione è arrivata in occasione della giunta tenutasi nei giorni scorsi. Una scelta, che si è resa necessaria dopo che una prima sessione di assegnazione è andata a rilento a causa dei criteri stringenti dei beneficiari. Ma in particolare per il fatto che, sono emerse in questi mesi criticità, da parte di nuclei famigliari messi in difficoltà economiche dalle restrizioni indotte dal Covid 19, ai quali occorreva dare risposte. Quindi ad essere messi a disposizione dei bisognosi è l’importo rimanente del secondo fondo di circa 126mila Euro assegnati al Comune di Mirandola dalla Protezione civile su provvedimento governativo. Di questi, oltre a 10mila euro destinati a Porta Aperta per l’acquisto di generi alimentari da distribuire a quanti là si rivolgono, ne restano da assegnare fino al 31 luglio prossimo circa 67mila.

“Abbiamo scelto di sostenere chi in questo momento ha bisogno e non ha ristori – spiega l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Mirandola Antonella Canossa La prima tranche di aiuti avviata ad inizio d’anno è stata contrassegnata da una distribuzione parecchio rallentata. Poiché molti di coloro che rientravano nei criteri molto stringenti delle disponibilità economiche non potevano dimostrare di aver subito un peggioramento della loro situazione economico-famigliare a causa della pandemia.”

“Con questa quota di circa 67.000 euro – riprende l’Assessore Canossa - abbiamo deliberato il cambiamento dei criteri di assegnazione dei buoni, per rivolgerci a quelle categorie che hanno subito una riduzione delle proprie entrate, una sospensione delle attività, se non addirittura chiusura a seguito delle restrizioni indotte dal Covid. Pensiamo ad esempio ai settori della ristorazione, del turismo, dello spettacolo, della cultura, dello sport ed altre talora escluse anche dai ristori. Chi oggi rientra nei nuovi criteri può ricevere buoni spesa utilizzabili per l'acquisto di generi alimentari o di prima necessità presso gli esercizi commerciali convenzionati. Un nucleo di 4 persone ad esempio può ottenere un buono spesa da 420 euro. Inoltre ci siamo attivati per far sì che la domanda possa essere presentata online, senza recarsi allo sportello. Così come il ritiro dei buoni che può essere concordato in modalità di assoluta privacy. Siamo a conoscenza del fatto che purtroppo, molte persone che si trovano in una difficoltà temporanea e mai hanno avuto necessità di rivolgersi agli sportelli del Comune, sono restii a farlo anche ora; ecco che abbiamo voluto adottare modalità adatte a questa tipologia di utenti.”

Allegati

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

12-05-2021 14:05