Salta al contenuto

Richieste di autentiche di firme per la presentazione di candidature per la nomina degli organi collegiali nella scuola

Si tratta della richiesta di autenticazione delle sottoscrizioni necessarie per la presentazione autentiche di sottoscrizione per la presentazione di candidature per la nomina degli organi collegiali nella scuola

Si ritiene che tale richiesta di autentica non possa essere accolta

L’Ordinanza del Ministero della Pubblica Istruzione n.215/1991, all’art.31 dispone che le sottoscrizioni dei candidati e dei presentatori delle liste per l’elezione degli organi collegiali delle scuole, di cui il d.P.R. n.416/1974, possano essere autenticate, oltre che dai dirigenti scolastici o loro delegati, anche dal Sindaco o suoi delegati, segretari comunali, notai e cancellieri di tribunale.

Si ritiene che tale disposione ministeriale non possa essere applicabile per le seguenti ragioni:

  1. Il d.P.R. 445/2000 limita la possibilità di autenticazione dei funzionari comunali alle "istanze e dichiarazioni sostitutive" da presentare ad organi della pubblica amministrazione, mentre le dichiarazioni di cui trattasi sono dichiarazioni di accettazione di candidatura, quindi manifestazioni di volontà. Sembrano quindi in contrasto con quanto prevede il d.P.R. n. 445, che peraltro è norma successiva e di rango superiore rispetto all'ordinanza ministeriale.
  2. Tale tipo di autentica pare non potersi annoverare neppure tra le cosiddette “autentiche speciali”, ovvero quelle che possono essere effettuate dal Sindaco o personale comunale e previste da apposita normativa (quali ad esempio le autentiche per la cessione di beni mobili registrati, quietanze liberatorie, alcuni atti relativi al codice di procedura penale, alcuni atti per le procedure di adozione di minori, autentiche per l’elezione di ordini professionali, autentica per le elezioni di Parlamento, Regioni, Comuni), in quanto non sono previste da nessuna norma, ed anche nel d.P.R. n.416/1974 non si trova traccia di tale eventualità.

Cosa serve

---

Contatti

Trasparenza

Modalità di avvio
A domanda degli interessati
Decorrenza termine

Dalla presentazione della richiesta

Tempo medio

A vista

Nel caso in cui l'autentica debba essere raccolta a domicilio, dovranno essere concordati i tempi con l'interessato

Silenzio assenso/Dichiarazione dell'interessato sostitutiva del provvedimento finale
No
Responsabile del procedimento
Domiziano Battaglia
Dirigente
Luca Bisi
Atti e documenti a corredo dell'istanza

Se la domanda non viene sottoscritta davanti al funzionario incaricato di ricevere la documentazione, deve essere allegato un documento d'identità personale.

Il personale dell'Ufficio Protocollo non è da considerarsi funzionario incaricato a ricevere la documentazione.

L’allegazione di un valido documento d’identità, difatti, non rappresenta un mero formalismo, ma piuttosto un onere fondamentale del sottoscrittore, configurandosi come l’elemento diretto a comprovare, non tanto le generalità del dichiarante, ma ancor prima l’imprescindibile nesso di imputabilità soggettiva della dichiarazione ad una determinata persona fisica.

Da ciò ne consegue che l’omessa allegazione del documento in questione, non integra una mera irregolarità suscettibile di correzione per errore materiale, ma un elemento che rende irricevibile la domanda.

Titolare del potere sostitutivo

Dirigente del Servizio

Riferimenti normativi

d.P.R. n.169/2005

Parere del Ministero della Giustizia 2 settembre 2005, n. D.G. D.G. 02/09/05 10265

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

23-11-2021 09:11