Salta al contenuto

Regime patrimoniale

Prima della celebrazione del matrimonio o dell'unione civile gli interessati devono decidere quale sarà il regime patrimoniale che regolerà l'amministrazione del loro patrimonio

Regime patrimoniale

Con il matrimonio o l'unione civile è possibile optare per il regime della comunione dei beni o il regime della separazione dei beni.

Nel corso della vita matrimoniale o dell'unione civile la scelta del regime patrimoniale può essere variata con atto notarile. Il notaio comunicherà direttamente tale convenzione all'ufficio di stato civile competente, il quale provvederà alla relativa annotazione a margine dell'atto di matrimonio o unione civile.

Regime della Comunione dei Beni

Si instaura automaticamente al momento del matrimonio o dell'unione civile se gli interessati non manifestano volontà diverse.

La comunione dei beni riguarda quanto acquistato dopo l'evento, che diventa di proprietà in parti uguali di entrambi i coniugi o uniti civilmente. I beni già in possesso di uno o dell'altro prima del matrimonio o dell'unione civile restano di sua esclusiva proprietà.

Regime della Separazione dei Beni

Si costituisce all'atto della celebrazione, per mezzo di una esplicita dichiarazione che viene annotata in margine all'atto di matrimonio o unione civile.

Tale dichiarazione va resa:

  • in caso di matrimonio civie o unione civile, direttamente all'ufficiale di stato civile
  • in caso di matrimonio concordatario, al momento della celebrazione al parroco o ministro di culto celebrante.

Con la separazione dei beni ciascuna delle parti conserva la titolarità esclusiva dei beni acquistati durante il matrimonio o l'unione civile, e ne ha il godimento a l'amministrazione. I beni acquistati prima del matrimonio o unione civile sono sempre esclusi.

Accedere al servizio

Come si fa

E' necessario rivolgersi all'ufficio di stato civile che redigerà l'atto di matriomonio o unione civile

Cosa si ottiene

L'inserimento nell'atto di matrimonio o di unione civile dell'indicazione del regime patrimoniale prescelto

Cosa serve

E' necessario fare apposita comunicaizone all'ufficale di stato civile che dovrà redigere il relativo atto di matrimonio o unione civile, che inserirà la relativa formula (annotazione) nell'atto stesso, che verrà sottoscritta dagli sposi/uniti civilmente, insieme ai testimoni, al momento della celebrazione.

Costi e vincoli

Costi

Nessuno

Tempi e scadenze

La comunicazione della scelta patrimoniale dovrà essere fatta in tempo utile per il suo inserimento nell'atto di matrimonio o unione civile. Si consiglia di comunicarla all'ufficio di stato civile almeno 8 giorni prima della celebrazione.

Casi particolari

Regime patrimoniale nel caso di citadinanze diverse

I rapporti personali tra le parti aventi diversa cittadinanza (o in possesso di più cittadinanze comuni) sono regolati dalla legge dello Stato nel quale la vita matrimoniale o unione civile è prevalentemente localizzata.

L'art. 30, comma 1, 2° paragrafo della L. 218/95 prevede che i coniugi o gli uniti civilmente, possano convenire per iscritto che i loro rapporti patrimoniali siano regolati dalla legge dello Stato di cui almeno uno di essi è cittadino o nel quale almeno uno di essi risiede.

Pertanto all'atto della celebrazione del matrimonio civile o concordatario o dell'unione civile, le parti manifastano la volontà che il regime patrimoniale sia quello previsto dalla legge dello Stato da loro indicato (eventualmente anche quella italiana ed in questo caso indicano il regime di separazione o comunione dei beni).

Contatti

Trasparenza

Silenzio assenso/Dichiarazione dell'interessato sostitutiva del provvedimento finale
No

Ulteriori informazioni

Modalità di avvio del procedimento

· A domanda degli interessati

Decorrenza termine del procedimento

· Dalla presentazione della domanda

Fine termine del procedimento

· Al momento della celebrazione del matrimonio o unione civile

Provvedimento del procedimento

Redazione dell'atto di matrimonio o unione civile

Responsabile del procedimento

· Battaglia Domiziano

Dirigente

· Luca Bisi

Strumenti di tutela da parte del cittadino

· Vedi la seguente pagina di questo sito

· Per l’informativa privacy vedi la seguente pagina di questo sito

Titolare del potere sostitutivo

· Dirigente del Servizio

Normativa di riferimento

· art. 30 L. 218/1995

· Codice civile: artt. da 159 a 203-ter

Ultimo aggiornamento

09-03-2021 11:03